Ashtanga-Vinyasa Yoga

Ashtanga-Vinyasa Yoga

99% pratica 1%teoria - Sri K. Pattabhi Jois

ASHTANGA

Ashtanga Vinyasa Yoga. Secondo la tradizione di Sri K. Pattabhi Jois, si sviluppa attraverso una concatenazione di asana (posture) collegate tra loro dal sistema del “Vinyasa”, ovvero coordinazione tra respiro e movimento. E' una pratica ideale per coltivare la salute fisico-mentale e l'evoluzione spirituale. Grazie ad essa, è possibile apprendere tecniche avanzate di respirazione, postura e movimento orientate a purificare, allungare e rafforzare il corpo, nonché concentrare e calmare la mente.

Ashtanga è basato su antichi insegnamenti yoga, ma è stato portato in Occidente e diffuso da Pattabhi Jois nel 1970. Ancora oggi è riconosciuta come una delle scuole più popolari di yoga. Si tratta di un rigoroso stile che segue una specifica sequenza di posture, collegando ogni movimento col respiro. Nell’Ashtanga vengono eseguite sempre le stesse posizioni, nello stesso ordine. Questa è una pratica fisicamente impegnativa, nella quale si arriva a sviluppare molto calore. Il sistema si basa su sei serie di asana che aumentano in difficoltà, permettendo agli studenti di lavorare al proprio ritmo, in un percorso senza sosta. Il Termine "Ashta" significa otto in sanscrito, e "Ashtanga" si riferisce alle otto membra descritte negli “yoga sutra di Patanjali”.

Caratteristiche

La sua dinamicità lo rende particolarmente adatto per coloro che amano un movimento costante. Durante le lezioni, è abituale sudare e provare, sin dall’inizio, posizioni intense.

In occidente, la maggior parte delle classi si concentra sulla “Prima Serie” che si adatta anche ai principianti.

La focalizzazione è sul respiro, sui bandha (sigilli), e sui drishti (punti sui quali fissare lo sguardo), le posizioni sono mantenute per cinque respiri, e collegate tra loro senza pause.


VINYASA

Vinyasa Yoga è il termine generico utilizzato per quelle classi nelle quali il "flusso" della pratica è guidato da un ritmo più rapido rispetto a quello di hatha yoga, e dove possono incontrarsi varie scuole di yoga. La loro caratteristica è quella della fluidità e, spesso, sono accompagnate dalla musica. Gli insegnanti creano la coreografia collegando le posizioni l’una all’altra e curando le transizioni in entrata e uscita. L'intensità di questa pratica è simile a quella di Ashtanga, ma la sequenza delle posizioni generalmente non si ripete.

Si tratta di un termine sanscrito spesso utilizzato per descrivere un’ampia varietà di stili yoga, e simboleggia il fluire, una forma dinamica nella quale le posizioni sono collegate tra loro mediante il respiro. Il suo significato può essere meglio compreso analizzando la sua radice letterale “Nyasa” che si può interpretare con "a posto", mentre “Vi” indica "in modo speciale".

CONSIGLIATO PER:

Chiunque cerchi dinamicità e rapidità. La sequenza degli asana è spesso diversa rendendo le classi sempre nuove. Coloro che amano testare i propri limiti fisici e desiderano evitare la routine.









© MUDITA asd - C.F. 94158090269
Viale della Repubblica 12/9
31020 Villorba (TV)
Tel. 0422 308799 - info@hotyogatreviso.it
Privacy Policy